27 maggio 2021

«Io, l’antipatico d’Italia. Forse è stata colpa mia»

Intervista di Tommaso Labate - 7 (Corriere della Sera)

«Forse è stata colpa mia», dice a un certo punto Massimo D’Alema quando l’intervista arriva al tasto più dolente, e cioè a quella grande distanza tra il come D’Alema dice di essere e il come lo...

14 maggio 2021

Intervento all'Assemblea Nazionale di Articolo Uno

Massimo D'Alema è intervenuto all'Assemblea Nazionale di Articolo Uno "Quello che ci unisce" il 14 maggio 2021.

...

16 aprile 2021

"La pressione della destra rischia di logorare il governo"

Intervista di Tommaso Labate - Corriere della Sera

Il ministro Speranza ha gestito bene una crisi difficile, drammatica e inaspettata, che ha messo in difficoltà tutto il mondo. È stato scrupoloso, attento principalmente all’obiettivo di mettere in...

6 novembre 2020

"Biden ha riunito i dem, ma Trump non è una parentesi".

Intervista di Federica Fantozzi - Huffington Post

Bisogna però dire che in America e in tutto il mondo occidentale le nostre società sono sempre più lacerate. Si sono approfondite le diseguaglianze non solo di reddito: c’è una profonda frattura...

"È tempo di promuovere una rinascita della sinistra, di ripartire dai valori fondamentali che sono quelli della democrazia, del lavoro, della difesa del lavoro, non a caso proprio il nuovo movimento si richiama all'articolo 1 della Costituzione".

Di fronte al processo in atto nel Paese, dove "vediamo riemergere dal passato il qualunquismo delle masse e la consorteria delle classi dirigenti", ha sottolineato D'Alema, bisogna interrogarsi su quale sia l'alternativa.

Un’Europa non ripiegata su se stessa, non prigioniera di una dimensione monetaria ed economicistica, orgogliosa della forza della propria civiltà può appassionare una nuova generazione. Torni la politica e si rimetta in moto la speranza.

Consigli di lettura

I fantasmi del ’98 e del 2008 - Claudio Sardo, l'Unità

Matteo Renzi ci sta seriamente pensando. La strada per Palazzo Chigi è aperta davanti a lui, solo che decida di percorrerla. Ma pesa il ricordo, anzi il fantasma, del ’98 quando cadde Romano Prodi e fu sostituito alla guida del governo da Massimo D’Alema.